artigiani

0 336

Megahub, spazio di coworking manifatturiero, ha organizzato un evento dedicato ad approfondire le opportunità lavorative che possono nascere dal riuso.

Nel primo pomeriggio le persone verranno accolte con dei workshop di riciclo.

Alle 16.00 Alessandro Giuliani, fondatore di Mercatopoli e Baby Bazar, racconterà i percorsi di formazione che la sua azienda, attraverso i fondi del progetto Garanzia Giovani della Regione Veneto, ha organizzato per i ragazzi tra i 18 e i 29 anni che vogliono diventare Operatori ai servizi di vendita nel settore Riuso.

In seguito a questo intervento, la parola passerà a Fabio Cardullo, un musicista che con il materiale di scarto si è creato un’identità artistica e musicale: a partire dalla Lampion Guitar, una chitarra nata da un vecchio lampione.

Alle 18.00  proiezione di RePLAY, un film documentario presentato in anteprima durante l’edizione 2015 del festival Cinemambiente di Torino. Un viaggio per l’Italia che racconta le esperienze degli artigiani che usano come materia prima oggetti o materiali che vengono normalmente considerati scarti o rifiuti .

L’ingresso è gratuito.

Sede dell’evento sarà l’Officina Megahub, in via Paraiso 60 a Schio VI

0 369

OfficineZero è un progetto per il riuso delle Officine ex-RSI, uno spazio di produzione per i vagoni notte dei treni in un’area strategica di Roma, poco lontano dalla stazione di Tiburtina.

La fabbrica è stata chiusa nel 2008 ed acquistata da privati per un progetto di housing speculativo.

Per i lavoratori la prospettiva era la cassa integrazione così, in risposta allo stop della produzione e alla prospettiva di licenziamento, nel 2012 hanno occupato la fabbrica proponendo il riuso di quello spazio in funzione produttiva e autogestita.

Poco dopo si sono uniti a loro alcuni studenti romani e il progetto OZ ha, man mano, preso forma.

L’obiettivo è preservare il carattere produttivo dell’area e sfruttare edifici, conoscenze, mano d’opera e attrezzature per (r)innovare la fabbrica.

Nel 2013 è quindi, formalmente, partito il progetto OfficineZero:
ha come obiettivi la riconversione e rigenerazione dello spazio fisico delle officine, un complesso di capannoni destinati alla produzione ed edifici che avevano funzioni direttive, e un percorso di auto-organizzazione animato da figure produttive diverse che si combinano per inventare alternative alla crisi economica, sociale e produttiva che ci tocca in sorte.
Officine Zero nasce dalla convinzione che le competenze dei manutentori dei treni-notte possano essere RIUSATE per insegnare ad altri come recuperare oggetti dismessi (anche solo riparandoli) e formare una cooperativa che operi nel mondo del riciclo e del riuso.
Ormai in tutta Europa e pratiche di riduzione dei rifiuti producono nuove forme di economia, dove compatibilità sociale e ambientale sono inscindibili.

Il concetto di RIUSO diventa, quindi, centrale in tutto il processo e attraversa, trasversalmente, gli spazi, le competenze, le attività di produzione.
OZ fa dell’ economia del riuso il proprio punto focale.

Per la riconversione della attività all’interno delle Officine Ex-RSI si prevedono due fasi:
La Fase 1 è ancora una fase legata all’informalità- poiché ancora in assenza di autorizzazioni per il trattamento dei rifiuti- in cui dalla mappatura delle competenze già presenti, a partire tra gli operai ex-RSI, si possono avviare dei corsi di formazione pratica sul campo in settori come tappezzeria, falegnameria, elettrotecnica, lavorazione dei metalli etc. da sperimentare su beni in medio stato donati dalla rete degli svuotacantine coinvolti e dal territorio (in seguito all’avvio di una campagna di comunicazione).
Si affiancherà alla formazione pratica quella teorica in campo ambientale coinvolgendo associazioni ambientaliste e si potranno inoltre attivare percorsi di promozione di servizi di riparazione, manutenzione e allungamento della vita dei prodotti a domicilio contribuendo così a consolidare il rapporto col territorio.
La Fase 2 prevede un percorso di formalizzazione in cui far nascere come soggetto legale, in una qualche forma giuridica ancora da definire, il Centro di preparazione al riutilizzo e alla riparazione.

L’esperienza di Oz è iniziata alla fine del 2013 e, pur partendo come occupazione illegale, ha iniziato a costruire un dialogo con l’amministrazione pubblica.
La Regione Lazio ha dichiarato il progetto economicamente sostenibile e il piano di fattibilità convincente, impegnandosi quindi a sostenere interventi volti allo sviluppo dell’area; il Comune di Roma si è messo a disposizione per un tavolo di confronto interistituzionale.

Officine Zero conferma, quindi, il riuso come pratica intelligente, per lo spazio, per le persone e per il futuro della produzione.

0 547

Sabato 23 e domenica 24 Maggio 2015 si  è svolto  l’Atelier dell’altra editoria, esposizione dell’editoria creativa e autoprodotta allestita nell’affascinante Casa Bainsizza a Mestre-VE.

SpazioRiuso.it ha avuto la fortuna di conoscere gli ideatori e i protagonisti dell’editoria creativa che si sono dati appuntamento per mostrare, scambiare, promuovere e vendere una diversa editoria, o meglio, ” l’eco-editoria ribelle e riciclata: una piccola sfida gentile alla serialità diffusa”.

Abbiamo avuto l’occasione di tenere tra le mani libri unici, non solo per la qualità letteraria, ma per la bellezza dei loro materiali: contenuti e contenitori di una cultura libera e sostenibile.

La casa editrice LIBERA E SENZA IMPEGNI si presenta così: ”

ciclistdlhfzb (1)

Collana LIBRI da TASCHINO. Assemblato con materiale riciclato, non contenente parti metalliche, animali o umane … ed è riciclabile. Rubalo, compralo o barattalo. Portalo sempre con te o dimenticalo in giro, regalalo, scambialo, lascialo sul sedile del treno, sullo scaffale di una libreria seriosa o sul tavolo della biblioteca rionale.

 

Ringraziamo in particolare Federico Zenoni che gentilmente ci ha inviato il testo che pubblichiamo di seguito.

Una vera finta casa editrice che nasce dal riciclo e pratica l’offerta libera ed il baratto postale!

storiadia (2)Assembla manufatti psico-editoriali a tiratura pigra e saltuaria con materiali di riciclo.
Libelli per bimbi e bimbe ribelli, libri da taschino, micro-saggi, poesie rubate, disegni e fumetti, racconti, suoni molesti, utopie portatili, libri-fisarmonica, stranierie, magliette “rovescio” ed altre cosette.

 

 

Le copertine, i testi e le manipolazioni interne dei libroidi riutilizzano:fogli A4 e fotocopie riusate sul retro, cartoni da imballaggio, confezioni di alimenti bio, buste del the, CD,  floppy disk, vecchi libri, cataloghi commerciali, cartoline, natri e spaghi, fil di ferro, vecchi calendari, scarti di tipografia, francobolli e buste, biglietti dell’autobus, fotografie, ecc. ecc…

sam_7102_modificato-1 (1)

Se volete dare un’occhiata: www.senzaimpegni.altervista.org
La casa editrice LIBERA e SENZA IMPEGNI organizza (insieme ad altri scriteriati) ogni anno a Milano LIBER -i libri liberi-, un salone di autoproduttori di fogli sparsi e pazze idee rilegate; a LIBER trovate tutto quello che non avete mai avuto il coraggio di chiedere in una libreria!        www.libersalone.altervista.org

0 608

Oggi il blog di SpazioRiuso.it è andato a cercare alcuni degli artigiani del riutilizzo che lavorano a Venezia e dintorni, sono Enzo e Camilla, rispettivamente di Redolab e Camoz. Ognuno ha la propria esperienza – Redolab crea principalmente mobili e complementi d’arredo con materiali di recupero, Camoz produce accessori con i tessuti che vengono dalle velerie. Dal loro incontro poi, nascono idee e prodotti sorprendenti….

Da dove nascono le vostre esperienze? Nello specifico: per voi da dove è nata l’idea di sfruttare –economicamente- la pratica del riuso e ciò viene prima o dopo il “ riuso come esigenza personale-creativa”?

E. Redolab è un progetto nato nel maggio 2013 da me, Enzo Agresti, che mi occupo del lavoro manuale, e da Enrico Borsani Colussi, che invece gestisce l’immagine e la comunicazione.
Il progetto ha preso forma durante l’organizzazione del festival sul riuso creativo “tuttodarifare” che si è tenuto nel maggio 2013 presso la ex centrale del latte Plip a Mestre.
Durante quel periodo abbiamo avuto a che fare con molti creativi/artigiani, che poi sarebbero diventati gli espositori del festival, e la loro passione ci ha coinvolti: unire creatività ad una nuova interpretazione degli oggetti e del materiale destinati allo smaltimento è un gran bel modo per contribuire al rispetto e salvaguardia dell’ambiente.
A seguito di questa esperienza è nato Redolab un laboratorio artigianale e creativo che realizza mobili, complementi d’arredo e oggetti di artigianato attraverso il riciclo di materiali recuperati.

C. La mia esperienza di Camoz nasce un po’ per scherzo, ma direttamente sul campo, da quando lavoravo come artigiana in veleria avevo provato a realizzare x gusto personale alcune borse e oggetti fatti con gli scarti delle vele, sicuramente è stata determinante la mia esperienza in Francia, dove nel periodo in cui ho lavorato in veleria una mareggiata danneggiò la struttura dove lavoravo e con essa tutti i tessuti e le vele presenti, da li ho iniziato a recuperare costantemente i tessuti e a pensare che quello che era ritenuto uno scarto, se opportunamente trattato, poteva diventare una risorsa. Poi chiaramente la componente della passione per quello che fai è determinante.

Da idea a realtà economica/sociale/commerciale… Mi chiedevo se vi sono serviti dei fondi per iniziare, da dove vengono, se sono stati vostri risparmi o avete trovato qualcuno che investisse nelle vostre idee…

E. Per mantenere la massima indipendenza e poter esprimere al meglio le nostre idee abbiamo investito il nostro tempo e il nostro denaro e ringraziamo tutti quelli che hanno creduto nelle potenzialità del progetto e hanno comprato le nostre realizzazioni.

C. Io personalmente sono ancora in evoluzione, la mia realtà fa fatica a sfociare in qualcosa di istituzionalizzato, però devo dire che non ho mai cercato un supporto esterno mi sono sempre affidata alle mie risorse e forse è proprio per questo che faccio fatica a decollare, ho diversi negozi che tengono i miei prodotti e molte collaborazioni ma sopravvivere non è facile!

Secondo voi, l’investimento in un’attività che “fa up-cycling” è maggiore, minore o uguale ad una qualunque attività economica e creativa che “fa design”?

E. È sicuramente una attività economica/creativa che fa i conti con aspetti nuovi .
Tenere un equilibrio tra produzione e basso impatto ambientale, scelta limitata e disponibilità dei materiali, competenze artigianali sempre diverse , completa e arricchisce il “fare” design.

C. Secondo me l’upcycling è ancora una nicchia, un affare per pochi, nel senso che piace molto ma non è ancora passata l’idea che l’oggetto di design e l’oggetto artigianale sono assimilabili, quindi in un certo senso il design ha un pubblico più esteso, piace di più. Poi fare upcycling prevede una preparazione del materiale, che da scarto diventa di nuovo utilizzabile, non trascurabile. Nel mio caso le vele vanno selezionate, lavate ripulite e smontate delle loro componenti inservibili(anelli, fettucce, cordini). Quindi c’è paradossalmente più lavoro che nell’avere a disposizione un tessuto nuovo, però dall’altra il materiale viene recuperato praticamente a costo zero.

Poi a un certo punto Camoz e Redolab si sono “incontrati”. Da dove nasce questa collaborazione?

E. Abbiamo avuto la possibilità di partecipare con un piccolo gruppo di espositori a tema riuso alla fiera della decrescita “altrofuturo” 2014 e in quell’occasione abbiamo esposto insieme a Camoz , quindi il caso ha voluto farci incontrare!!!

C. Come le cose migliori, l’incontro è stato puramente casuale, parlando con Enzo gli ho spiegato l’idea che avevo -da tempo – di realizzare uno sgabello con la seduta in vela riciclata, ma non mi interessava commissionarlo ad un falegname, ci voleva un filo conduttore che rendesse il pezzo coerente, quindi niente di meglio che una struttura in legno riciclato su cui montare la seduta in vela anch’essa riciclata, insomma un prodotto di upcycling in piena regola.

La sedia da meditazione: progetto azione. Come ha funzionato per voi il processo creativo/collaborativo?

E. La richiesta, come ti diceva Camilla, è partita direttamente da Camoz in quanto stava organizzando la sua partecipazione al mercato che si tiene a Trieste durante la manifestazione velica “Barcolana”. […] Per il processo creativo ci siamo affidati ciascuno alla propria fantasia ed esperienza e il risultato è stato la “sedia da meditazione” .

C. Come ho detto parlandone nasce tutto, la competenza di Enzo riguardava la realizzazione di una struttura maneggevole, in cui si potesse facilmente smontare la parte della seduta, quindi in un certo senso i grattacapi maggiori sono stati i suoi, io poi ho preso le misure a struttura finita e ho realizzato la seduta in tessile, che quindi è smontabile e lavabile.

Seguici su: